A Mere Question of Attraction?

http://https://broadly.vice.com/en_us/article/the-straight-men-who-have-sex-with-trans-women

Very thoughtful piece about trans women and their (male) partners. I share its underlying purpose and point of view and thought it offers many opportunities to discuss problematic issues. I’d have many things to say about various points discussed in this article, but one statement that stayed with me particularly was:

“When I asked Alex how important it is that a girl is able to pass well, he responded, ‘I’m attracted to femininity, not masculinity. It’s that simple.'”

No, sweetheart. Unfortunately it is not ‘that simple’. Or, better still. It might be ‘that simple’ for you because it’s easier to reduce a very complex phenomenon to a mere question of attraction which – as everyone knows – is exempt from any form of judgement because it’s a matter of ‘personal taste’. Being ‘passable’ (and I know a part of me cringes whenever I evoke this concept) as a cisgender woman has only partially to do with femininity. Otherwise logic would want that we would be unable to find even the slightest trace of femininity in anyone but cisgender females who identify as women and exhibit a conventionally feminine gender expression; which is patently not the case if we look at the reality of things. Our hegemonic cultural formation, that strives to represent male and female as opposite, complementary but mutually exclusive categories, each with a set of non-overlapping characteristics, may well encourage and validate that view, but a look at the complexity of our gender expressions and identities very easily disproves this assumption. So I just happen to wonder: if we are able to dissociate the concept of being ‘passable’ as a cisgender woman, for a trans woman, from an idea of intrinsic femininity, what does the statement above really say about our culture? I’d say it reveals a lot more than mere personal taste – as the interviewee was probably keen to get across. It reveals the profound stigma that still surrounds transgender individuals – and even more trans-feminine people because of the sexist bias of our culture which I have explored in other posts – and reflects on anyone who more or less genuinely has an attraction to them. I am convinced that a trans woman can forgo ‘passability’ and still be feminine and beautiful, and therefore attractive to anyone who likes femininity. But I am willing to bet that that same trans woman, by virtue of her forgoing passability, would have less of a chance to date a straight man than a ‘passable’ one, who might be equally attractive and feminine, or even less so, in our cultural formation. And that has little to do with attraction, and all to do with societal expectation, and social pressure to appear to be ‘normal’. As the piece beautifully concludes.

What this ultimately says to me is that we need to strive towards a goal of gender and sexual inclusivity in society, making room for the essential fluidity not just of gender identity and expression, but also – quite logically – of sexual preference and orientation. Until we do this, we can challenge models, call paradigms into question, accuse this or that (hetero)sexist/racist/genderist regime of thought, but we will never be free of their dominant influence in shaping and making sense of human relations.

A Short Post on Sexist Beauty Standards (again)

What I find interesting about this project is not so much the exposure of what our tyrannical beauty standards drive us to consider ‘beautiful’ or not – which is nonetheless a very important aspect to investigate. What really strikes me is how the project shows the impossible double-bind in which women, all individuals along the m-to-f spectrum, and all otherwise feminine-identifying people constantly find themselves. Or, to put it more bluntly, the maxim according to which whatever you do, if you happen to be one of the individuals mentioned above, you’re doing something wrong. And this has less to do with normative perceptions of beauty than with plain old traditional sexism, whereby anything female/feminine (and there is a difference between the two albeit lumped together in sexist views) is systematically devalued and represented as inferior, contrived, artificial and so on.

For anyone interested in reading more about how traditional sexism (mixed with cissexism and heterosexism) affects the lives of everyone who identifies along a feminine spectrum (which does not only include women, but also people who identify as a different gender identity but whose gender presentation is predominantly feminine), I suggest Julia Serano’s book: Whipping Girl. You can read more about it here. It’s a book whose rigour and lucidity have inspired me to think further on this issue, and it’s full of wonderful insights from a specifically trans* perspective, which we are always desperately in need of.

(Trans)Women, diversity & the impossible beauty standard

Just a few weeks back this image was ragingly popular across social media, mostly accompanied by thousands of likes and positive, light-hearted comments. I absolutely don’t mean to spoil the party but, I found it interesting that my immediate reaction to it was not one of similar joy or cheerfulness.

So I asked myself why. And got to these conclusions.

If I can say something about this is that I am not sure whether messages like this do trans women justice or not. Of course I appreciate the positive message this is supposed to convey, but I can’t help reflecting on how this is being conveyed.

These women are all incredibly beautiful, they are all to different extents in the mediatic spotlight and many of them are models or actors. These photographs are clearly taken from professional photoshoots which have been created with the help of stylists, make-up artists, professional photographers and digital enhancement programmes. What I’m trying to get at is that the reality for most trans women (just like for most women as they are represented in the media) is that we do not look like this, and many of us, added to the impossible beauty standards imposed upon women in general, also feel the additional burden of having to ‘erase’ our masculine/androgynous features (when we do have them), in order to better fit in and ‘be beautiful’. What all these very beautiful women have, regardless of their open status as trans women, is a form of ‘passing privilege’ for their adherence to western hegemonic beauty standards, which are misleading, restricting and cause a lot of suffering and feelings of inadequacy.

And I am not interested in debating – at least not in this post – whether ‘passing’ is a thing, whether it should be relevant or not to trans people – and trans women in particular. The truth is that ‘passing’, whether one likes the concept or not, affects us ALL (and by us I mean people within the transgender community) in very tangible ways. And we are still judged upon the same old aesthetic standards, with the added burden that, if we fail to pass, we can incur in all sorts of discriminations and it does make our lives harder. What I would like to see would be the real diversity that is present in the community of trans women, because we are all different. I would like to see more pictures of us, not only our ‘public’, ‘media-palatable’ face. And I would like to see a message of positive inclusion or appreciation next to these diverse pictures, which include a wide range of us, with all of us being encouraged to feel confident in our beauty, or that we are somehow desirable, or even just likeable. (discussion on how our perceptions of our own beauty are linked to social appreciation and to the number of people who would potentially date us is sadly material for a different discussion)

And I am saying all of this from a very privileged position myself, which has come after years of painful discrimination as a gender-variant individual. But in my mind, and in my heart, are the looks and hopes of many of my friends who really suffer because of this, who are haunted by feelings of inadequacy all the time.
And I am sick of messages that impose impossible standards on us, intentionally or unintentionally implying that, in order to be accepted, successful or desirable, we need to be flawless, above average, ‘perfect’. This is so damaging on so many levels, this can literally break you. Personally, I’ve been broken by this, and I am still in the process of finding the bits and splinters and trying, with a little patience, to glue it all together again. I really want this to change.

A Conversational Poem Dedicated to R.T. (long due)

And then there’s us – the true misogynists of the lot.
We like to disassociate ourselves
rather disdainfully
from those “delusional men who think they’re women just by gobbling
down a handful of NHS pills”.
We’ve had an expensive education. And they’re so hopelessly pathetic.
We’re not like that.
Not at all. We’re better than that.
To us, femininity is the ultimate patriarchal luxury.
A nip here, a tuck there.

Shave this naughty jutting bone back to front,
pump in that lovely dodgy silicone I want.

Much like when we dreamt we’d one day be able to afford that (rigorously red) Ferrari, a villa with terraced gardens on the French Riviera and that tiny, cute, sexy, eternally compliant wife of 24 and… oops, we must have got too carried away with the brutal fantasy at some point – for we have become our total body fetish.

And now what
remains
us of that disappointing reverie?
The ever promising, elusive pleasure to scalpel through others’ self-esteem.

Gabriella, or gender nonconformity revealed

Q: How did you become aware you had a different sexual orientation or gender identity?

A: Well, it wasn’t that hard.

At three I walked past the gates of my nursery school for the first time and saw the girls and the boys. They looked so different to me, and I thought ‘Who am I going to play with now?’ I went back home and asked my grandmother for a doll (which would shortly afterwards become the first victim of innumerable and unforgiven doll kidnappings) to go and play with the girls – I was incredibly popular among them, a true Princess and heartbreaker.

When I was five I used to spend my days planning extravagant fashion shows using towels and scarves I would find at home. My favourite act was ‘the Bride’. Total white, très chic.

At six I would jump all around on the sitting room sofas twittering to the astonishment of casual guests: ‘Oh, please, call me Gabriella, Gabriella!’ An inexorable doll by my side – Maria, my Caribbean doll.

I was a tall, skinny boy with matchstick legs, pale, freckled skin and shiny black hair trimmed in a bowl haircut. But I liked my name that way, Gabriella.

Sostengo il ddl405 (II)

Sono nata a Milano ventisei anni fa. Un bambino, maschio. O così almeno sosteneva il dottore che mi visitò appena nata. Ma la mia non è una storia di disforia. Come mia madre mi racconta spesso, appena nata continuavo fissare ostinata quel pediatra che mi girava e rigirava per svolgere gli accertamenti di rito, tanto che, finita la visita, il dottore si lasciò sfuggire: “Devo farvi i miei auguri, signori, questo bambino darà filo da torcere”. E così è stato: la mia non è una storia di disforia, ma di libertà e di lotta, di dignità e amore, seppur attraverso il dolore. Sono stata amatissima dai miei genitori, sempre divisi, loro malgrado, tra il desiderio di lasciarmi libera di esprimermi e il peso del giudizio degli altri, che trovavano scandaloso avere un figlio che “faceva la femmina” e lasciarglielo pure fare. Con loro ho vissuto serena, sapendo che ero meritevole di affetto come chiunque altro, pur essendo diversa, e questo mi ha resa la persona decisa che sono oggi. Il loro amore mi ha salvata dall’odio di me, dal vedermi sbagliata, portatrice di una “malattia”, dal desiderio di autodistruzione – che tuttavia, quasi inevitabilmente, per me come per tant* di noi, sono arrivati.

La vera malattia l’ho conosciuta nella compulsione dei miei coetanei a umiliarmi, demonizzare la mia differenza con scherzi crudeli, botte, violenze psicologiche, e nella complicità indulgente di adulti ed educatori. Il confronto con il mondo esterno era un dramma costante, che mi aveva gradualmente emarginata, irreparabilmente convinta che, per “quelli come me”, non ci fosse posto a questo mondo. Il dolore mi aveva divisa da me stessa, incapace di trovare le parole per raccontare chi ero, come mi sentivo, percepivo una rottura dentro di me. Come era possibile che la mia famiglia mi avesse amata tanto, se non ero che un fallimento, meritevole solo di scherno e umiliazione?

Mi ci sono voluti venticinque anni per guardare indietro e scoprire con meraviglia che, in realtà, non vedo nessuna rottura, ma una irriducibile continuità nella mia esistenza, che mi è stata restituita dalla mia scelta di affermare la mia identità. Quando a cinque anni pensavo al mio futuro da adulta, vedevo su per giù quella che sono ora (magari un po’ più sorridente), non certo quello che gli altri pensavano che avrei dovutoessere. Grazie all’educazione libera e amorevole che ho avuto in famiglia, non ho mai pensato che essere nata con certi genitali riassumesse e preordinasse in qualunque modo quella lunga serie di aspettative e norme che invece la società, presto o tardi, impone su tutti noi. Aspettative su chi dovremmo essere, cosa dovremmo fare nella vita, quali i ruoli a noi concessi, il linguaggio e le forme di espressione giuste per noi. Del resto, che cosa hanno mai saputo gli altri di chi ero io, cosa sentivo e desideravo per me? Alla fine, pur tra le violenze, la sofferenza della negazione e la gioia della scoperta di me, ce l’ho fatta, ho vinto le forze che volevano distruggere la mia verità del mio essere, espropriarmi di me stessa per obbedire a dettami che non ho mai sentito miei.

E, quando si arriva qui, ci si rende conto di quanto sia spontaneo, in realtà, essere noi stessi, di quanto lotta e sofferenza risiedano tutte nel combattere contro un modo che non comprende e non accetta. Per questo mi chiedo, e chiedo a tutti, perché, dopo queste lotte e conquiste, uno Stato dovrebbe negarmi la possibilità di vivere la continuità della mia vita, senza dover forzatamente dare spiegazioni ogni qual volta mostro il mio documento di identità? Perché dovrei essere obbligata a giustificare, scusare quasi, la mia esistenza agli occhi degli altri, quando per me non c’è niente di più sincero e giusto di ciò che vivo quotidianamente? Perché la mia identità deve essere violata ogni volta che qualcuno legge, scrive, chiama a voce alta un nome che non è mio, mentre io mi vedo costretta ad assicurare che non c’è errore, non c’è inganno, e tentare, spesso invano, di ristabilire in chi ho di fronte una fiducia ormai sbriciolata dal pregiudizio? E, dall’altra parte, perché, per porre fine a tutto questo, dovrei essere costretta a subire interventi chirurgici di cui non sento l’esigenza, volti unicamente a cancellare la mia individualità e omologarla a un modello imperante binario, sessita e genderista? Sono stanca di vedere la mia esperienza, insieme a quella di tante altre persone come me, messa a tacere e stigmatizzata, oppure strumentalizzata per scopi che non hanno niente a che vedere con il riconoscimento e la dignità delle persone trans*.

Ricordando le parole di un’amica molto cara, una delle persone più brillanti che abbia avuto l’immenso dono di conoscere, mi sento di poter dire che sogno una società in cui ognuno di noi sia libero di scegliere chi vuole essere, come vuole esserlo, e le persone che vuole amare, senza dover rendere nessuna giustificazione per le proprie scelte. Questo per me è vivere dignitosamente. E per questo ho firmato la petizione, e ho chiesto ai miei cari e ai miei colleghi di farlo insieme a me.

Per firmare la petizione a sostegno del ddl405: https://www.change.org/it/petizioni/per-l-approvazione-di-una-legge-che-tuteli-le-persone-transessuali?lang=it

Per sapere di più sul contenuto del disegno di legge 405:
Blog: http://disegnodilegge405.blogspot.it
Facebook: http://www.facebook.com/ddl405
Twitter: http://twitter.com/ddl405

Sostengo il #ddl405 (I)

Mi chiamo Gabriella e ho 26 anni. Ho deciso di raccontare alcune cose di me e condividere alcuni pensieri per esprimere il mio sostegno al disegno di legge 405.

Sono nata e cresciuta a Milano, ma da diverso tempo vivo, studio e lavoro a Londra. Qui nel Regno Unito le cose funzionano diversamente in materia di riattribuzione anagrafica di genere e nome. Secondo la legge attuale è possibile, dopo due anni di vita “in transizione” (che deve essere debitamente certificata), fare domanda per ottenere una rettifica del proprio nome e genere, senza la necessità di sottoporsi a interventi di sterilizzazione chirurgica. Non essendo ancora cittadina inglese, tuttavia, i benefici di questa legislazione mi sono preclusi. Nonostante questo, e forse proprio per questo, ciò che non ha mancato di colpirmi è la radicale differenza culturale del paese che mi ha accolta, che si è presto manifestata nella quotidianità della mia vita. Anche con documenti non conformi all’identità in cui vivo, ho la grande fortuna di poter condurre una vita serena, frequento l’università senza problemi, vivo insieme a persone aperte e rispettose, e ho trovato lavoro con altrettanta facilità. Raramente, e mai a livello istituzionale, sento di essere stata discriminata in quanto trans*. Con i miei colleghi in università, e con diverse persone che fanno parte della mia vita, ho condiviso con naturalezza questo aspetto importante di me, e nessuno ha mai manifestato atteggiamenti discriminatori e ostili o, dall’altra parte, esternato certe considerazioni buoniste e paternalistiche fin troppo familiari a tante persone trans* – che altro non sono se non la versione ipocrita della censura diretta. Per loro, io sono semplicemente io, così come sono, pari in dignità e diritti, lodata per i miei meriti e incoraggiata a migliorare quando sbaglio. Questa sensazione di parità, di rispetto della mia differenza come qualcosa che non va demonizzato né imprigionato in uno stereotipo pietista, ma che fa parte della vita di tante persone, è ciò che mi rende più serena e mi fa sentire più accettata.

La mia vita di adesso, purtroppo, è molto diversa da quella che vivevo prima di trasferirmi. Lasciando l’Italia ho lasciato, mio malgrado, un paese di cui non sono mai riuscita a sentirmi parte, che mi ha cresciuta con un senso di continua e insopprimibile inadeguatezza, causandomi enorme sofferenza. Durante gli studi e la ricerca di lavoro dopo la laurea ho avuto tanti momenti di sconforto, ora per la totale mancanza di empatia o comprensione, ora per l’attenzione morbosa che mi veniva riservata, oppure, come penso sia capitato a tant* altr*, per la delusione di non essere valutata per le mie competenze, la frustrazione di non essere presa sul serio, l’umiliazione dell’ennesimo rifiuto alla vista di quel documento, che improvvisamente offuscava tutte le mie qualità. Mi sono trovata prigioniera di diverse forme di discriminazione, che nella nostra cultura si intrecciano e legittimano a vicenda: dal sessismo di una società ancora profondamente patriarcale, di cui molte donne trans* sono ugualmente vittima, alla transfobia di un sistema eterosessista e binario che vuole i generi due, opposti, immutabili e preordinati sulla base dell’anatomia genitale con cui si nasce (e quando con quella anatomia non si nasce, la si può sempre imporre con chirurgie di “normalizzazione”). Ho vissuto sulla mia pelle questo male sociale di proporzioni smisurate, che demonizza ogni varianza sotto l’egida di una presunta “normalità” a cui tutti – nessuno escluso – sono spinti ad aderire con grande sofferenza emotiva, fisica e psicologica.

Credo nel ddl 405 come un primo, decisivo passo nel contrastare questa violenza strutturale della nostra cultura, fatta di varie forme di oppressione e discriminazione, che gravano in maniera insostenibile sul benessere delle persone trans*. Questo disegno di legge, per me, è uno strumento per dare voce a una comunità marginalizzata e stigmatizzata, sovvertire decenni di silenzio impostoci da istituzioni mediche e legislative che, in forza di un’ideologia eteronormativa e sessista, hanno scritto per noi una storia che non ci appartiene, cancellando le nostre vite. Questo disegno di legge è, per me, uno strumento di contestazione.

Contesto la patologizzazione delle persone trans* e di ogni individuo che esibisca una forma di varianza di genere/sessuale fisica, psicologica, emotiva che sia, perché obbedisce a una norma imperante priva di un qualunque giustificazione etica. Contesto la fonte che legittima questa patologizzazione, ovvero una cultura che spaccia un organo genitale per l’identità di un individuo, che rende, anzi, l’anatomia genitale l’unica e definitiva dimensione dell’identità, attorno alla quale si costruiscono e si naturalizzano aspettative, comportamenti, ruoli che passano dall’essere descrittivi di una realtà vissuta all’essere prescrittivi di come si deve vivere. Maschio o femmina equivale a uomo o donna. E non solo. La cultura ci insegna anche come essere uomo o donna. Senza scampo, senza spazio per l’unicità dell’esperienza individuale. E, assieme alla prescrizione di come si devevivere da uomo o da donna, di cosa è proprio e lecito per un genere e non per l’altro, la cultura legittima ogni forma di punizione e violenza nei confronti di chi, in questo sistema normativo, non trova posto, non si conforma, perché non può e non vuole. Ma questa cultura può, e deve essere, cambiata. Non solo per restituire dignità alle persone trans*, ma per iniziare, seppur timidamente, un più vasto e ambizioso progetto di liberazione di ciascuno di noi.

Contesto questa violenza patologizzante, di sapore cattolico-moralista, che punisce la differenza considerando conquistata un’identità soltanto a seguito di interventi (fin troppo spesso si parla di un generico e unico “intervento”, ben lontano dalla realtà delle cose) dolorosi, invasivi e, nella sensibilità di tant*, mutilanti. Contesto la perversità di pensiero che sottende a questa imposizione, per cui la sterilizzazione chirurgica è il prezzo che dobbiamo pagare per la nostra devianza, per l’essere sbagliat* di fronte a una “norma naturale”, mentre il riconoscimento legale dell’identità in cui viviamo ci è magnanimamente concesso come premio di consolazione per essere stati neutralizzati. Contesto la voce dominante che racconta le nostre vite come disforiche, disfunzionali, luoghi di buio, confusione e tristezza a causa della nostra differenza. E, insieme a questa voce, la presunzione che la nostra sola prospettiva di felicità sia la normalizzazione all’interno di un sistema binario, che riafferma con forza, attraverso la manipolazione forzata dei nostri corpi, che la nostra identità è “autentica” solo se legittimata dall’anatomia dei nostri genitali – che, nello stesso paradigma binario e normativo, è l’unica strategia lecita per relegarci a certe prerogative sessuali che sono lo specchio di un più ampio e pervasivo sistema di dominio sociale e culturale.

Contesto l’invadenza di uno Stato e di una legge che strumentalizzano la sofferenza delle persone trans* per affermare il proprio stato di diritto, che letteralmente si insinuano nelle nostre mutande pretendendo di disciplinare una delle sfere più intime e delicate di ciascuno di noi, la nostra vita affettiva e sessuale (e non è certo l’unico esempio di questa invadenza patriarcale e moraleggiante, basta guardare alle controversie suscitate ancora oggi dalla legge 40).

Sono convinta che le persone trans* non facciano altro che rendere esplicite tutte queste operazioni normative che le istituzioni impongono a ognuno di noi. Perciò credo sia il momento giusto per contestare tutto questo, e credo che proprio le persone trans* abbiano la forza e il coraggio di iniziare questa battaglia, per le sofferenze e le discriminazioni che siamo abituat* ad affrontare ogni giorno. Attraverso questo disegno di legge, la nostra voce può iniziare a farsi udibile nel contestare questa violenza strutturale e risvegliare una società pigra e cieca nei confronti delle imposizioni che opprimono ciascuno di noi e ci tolgono la libertà di scegliere, di amare, di vivere.

Per firmare la petizione a sostegno del ddl405: https://www.change.org/it/petizioni/per-l-approvazione-di-una-legge-che-tuteli-le-persone-transessuali?lang=it

Per sapere di più sul contenuto del disegno di legge 405:
Blog: http://disegnodilegge405.blogspot.it
Facebook: http://www.facebook.com/ddl405
Twitter: http://twitter.com/ddl405